Floating sea fishing - La pesca in mare con il galleggiante

Reply

Pesca alla salpa negli strati superficiali dell' acqua.

« Older   Newer »
Ettore Angrisani
view post Posted on 10/1/2010, 18:00 Quote




La salpa come gia sappiamo una delle nostre antagoniste piu' "forzute", anche quando non un esemplare particolarmente di taglia, si comporta nella lotta come un vero buldozer. C' in oltre da considerare che pur non essendo una preda particolarmente "famosa" in termini di diffidenza, resta comunque un pesce di branco e come tutti quelli appartenenti a tale caratteristica sociale, collabora insieme agli altri esemplari nell' individuazione del pericolo. Dunque molto spesso necessario che qualche soggetto si insospettisca in maniera particolare, per trasmettere immediatamente al resto della ciurma segnali di panico che automaticamente portano a trascinarsi il branco lontano dalle nostre insidie.
Le banchine dei porti e le pareti degli antemurali, partendo dagli inizi della primavera, diventano veri e propri paradisi per gli amanti del "gioco duro" con questo pinnuto fortissimo che vediamo chiaramente brucare l' erba attaccata agli scogli sommersi ed anche appunto negli strati superficiali della banchina, proprio sotto il nostro naso e spesso ci saremo chiesti per quale motivo non attaccano il nostro boccone come magari farebbero voracemente sul fondo.
Pescare le salpe negli strati superficiali dell' acqua, richiede l' impiego di attrezzature molto leggere, spesso apparentemente sproporzionate alle loro qualita' combattive, proprio per i motivi sopracitati all' inizio di questo capitolo, inoltre c' anche da considerare che molto sensibile alla presenza umana e dunque nel complesso richiede un' accurata strateggia di cattura.
Utilizzeremo degli occhiali "polarizzati" necessari per vincere i riflessi del sole in acqua e gireremo lungo la banchina alla ricerca dei branchi con una canna fissa ad azione rigida, corrispondente ad una lunghezza compresa tra i 4 e i 5mt (io uso la 5 mt). Individuato il branco intento a banchettare lungo la sponda, ci posizioneremo trasversalmente e caleremo la nostra esca nei pressi delle nostre prede, cercando di non provocare eccessivo rumore. In questo modo eviteremo che i pesci si vadano ad inabbissare sul fondo perdendo le loro tracce e l' erba (che ci saremo procurati precedentemente, reperibile solitamente sul luogo di pesca) innescata su un amo del N.12 - 14 GAMAKATSU serie 421, verra' poizionata in maniera naturale all' attenzione dei pinnuti.
Negli strati superficiali dell' acqua, anche le salpe vedono una lenza di diametro sostenuto e dunque dovremo far fronte a tal proposito adottando monofili molto sottili. Consiglio nelle mattinate piu soleggianti di non salire oltre uno 0,12 fluorocarbon per garantire la riuscita della battuta e se i pesci non vogliono saperne di attaccare l' esca scendete anche ad uno 0,10. Vi sembrera' molto strano, ma possibile insidiare questi bufali in superficie con questi diametri estremamente ridotti, la salpa non avra' di certo le giuste dinamiche per poter reggire al combattimento opponendo l' energia che siamo soliti controbattere quando la incocciamo sul fondo e sara' possibile vincere il duello dopo qualche breve ma energica sfuriata.
Per far si che un monofilo cosi' sottile possa reggere la reazione di una preda cosi forte (diciamo fino ad esemplari di mezzo kilo, anche perch sono quelle le taglie massime che solitamente possiamo trovare in queste circostanze), l' unica soluzione sara' quella di applicare alla vetta della canna, un elastico ammortizzatore da roubaisienne della misura 1.2, o anche 1.4, in questo modo otterremo sia che il monofilo aumenti notevolmente il carico di rottura e non essendo questo elastico di misure particolarmente ridotte, ci aiutera' a stancare la salpa velocemente e a portarla al guadino, il quale steso perpendicolare alla banchina nella nostra postazione, ospitera' la preda facendo compiere alla canna una rotazione di circa 90 gradi in orizzontale, allo scopo di staccarla dal branco per non insospettirlo. Magari si sposteranno piu a monte regolarmente per continuare a brucare, ma non andranno ad immergersi salutandoci per un bel po, o per sempre.
La piombatura dovra' essere molto leggera per far discendere il fiocco d' erba in maniera naturale, ma nello stesso tempo dovra' assicurarci l' entrata in pesca a circa 1mt 1,50mt di profondita'. Suggerisco di montare un galleggiante dalla forma tondeggiante, con antenna lunga e deriva corta, 1gr e tararlo con 6 pallini da 0,1, il primo montato a 30 cm dall' amo e gli altri a salire verso il galleggiante tutti ad una distanza di 10cm tra loro.
La salpa in superficie piu sospettosa, ma analogamente concede un combattimento piu' proporzionato alla sua taglia, poich non avendo il fondo come riferimento, le fughe verso il basso saranno piu' ragionevoli. Dunque le catture saranno molteplici e sportivamente divertenti, non vi resta che provare e prepararvi a passare fantastiche giornate di primavera, a pesca di una delle prede piu' sportive del nostro sottocosta. - Ettore Angrisani
image

Edited by Ettore Angrisani - 18/1/2010, 01:44
 
Top
view post Posted on 11/1/2010, 14:53 Quote
Avatar

Dream Spigola
A_STARA_STAR

Group:
Administrator
Posts:
446

Status:


Complimenti Ettore ottimo articolo ;)

Io personalmente insidio le salpe a galla con un altro metodo, la montatura grosso modo quella indicata da te ma con il finale a doppio amo, e come esca uso la pastella, in pratica io preparo la pastura fondo mare per cefali baggnandola appena, dandogli pochissima consistenza, in questo modo appena giunta in acqua si dissolve in una nuvoletta che manda in frenesia alimentare le salpe consentendomi anche di salire di finale, in questo modo ci pesco sulla scogliera esterna del porto di San Felice Circeo, peccato che l'ultima pescata in loco sia stata pi di 2 anni f ad ottobre, in 4 ore di pesca questo stato il risultato:
image

Nando
 
PM Email Web  Top
view post Posted on 11/1/2010, 22:33 Quote
Avatar

occhiata
A_STARA_STAR

Group:
Member
Posts:
260

Status:


bene bene

I Segreti della Pesca

Video di Pesca

perche' la FIPSAS che dovrebbe promuovere la pesca dilettantistica non fa' nulla per il divieto diurno ?
 
PM Email  Top
Ettore Angrisani
view post Posted on 24/2/2010, 16:10 Quote




Mi sa che ci siamo quasi,
ieri passeggiando un po per il molo beverello, ho visto gia un po di branchi di grossi esemplari aggirarsi sotto la banchina. ;)
 
PM  Top
matucel
view post Posted on 24/2/2010, 22:18 Quote




ma che temperqatura ha l'acqua da voi?
 
Top
view post Posted on 25/2/2010, 15:35 Quote

guarracino
A_STAR

Group:
Member
Posts:
57
Location:
Napoli

Status:


si infatti al porto puoi vedere molti pescatori a caccia di salpe con i famosi "cannuccielli", chi non ne ha mai avuto uno, un esca che sa dando i suoi frutti per questo pesce, il grano da carpa, molto redditizio, un'altra esca che che viene usata, vi sembrer strano ma il mandarino , personalmente non l'ho mai usato ma ho saputo da fonti attendibili che le salpe ne vanno matte
 
PM Email  Top
massimilianopresti
view post Posted on 3/7/2010, 13:14 Quote




zona ex smea zone sud di napoli, una volta ho allamato una salpa, la quale furia riuscita a spezzarmi una canna flacon di mt7. Eun pesce altamente combattivo e con molta forza!! :B):
 
Top
icon1  view post Posted on 4/10/2012, 14:42 Quote
Avatar

occhiata
A_STARA_STAR

Group:
Member
Posts:
104

Status:


 
PM Email  Top
7 replies since 10/1/2010, 18:00
 
Reply